Corruzione: resta in carcere ex Pm Longo

Resta in carcere Giancarlo Longo, l'ex Pm di Siracusa arrestato il 7 febbraio con l'accusa di associazione a delinquere, falso e corruzione. Lo ha deciso il gip di Messina che ha respinto la richiesta del legale del magistrato di sostituire la custodia cautelare in carcere con il i domiciliari. Secondo la Procura di Messina che ne ha chiesto e ottenuto l'arresto, Longo, che mesi fa è stato trasferito al tribunale civile di Napoli, avrebbe pilotato fascicoli di indagine per favorire i clienti di due avvocati siracusani, Piero Amara e Giuseppe Calafiore, anche loro arrestati. Dall'inchiesta che ha coinvolto in tutto 15 persone, è emerso che Longo, in cambio, avrebbe ricevuto 88 mila euro e in regalo un capodanno con la sua famiglia a Dubai e un altro in un hotel extralusso di Caserta. Secondo il gip di Messina Maria Ventimiglia, l'interrogatorio di garanzia, al termine del quale è stata chiesta la sostituzione dell'arresto coi domiciliari, avrebbe rafforzato il quadro indiziario a carico dell'ex pm.

ANSA

Altre notizie

Notizie più lette

  1. Blitz antimafia 'Montagna': scarcerato anche Vincenzo Cipolla
    Grandangolo Agrigento
  2. Blitz antimafia 'Montagna', pioggia di scarcerazioni. Si aprono le porte del carcere per 21 presunti boss
    Seguo News
  3. Stragi del '92, presentate iniziative
    ANSA
  4. Lupo: 'Doppia preferenza? Le emergenze sono altre'
    Live Sicilia
  5. Mafia, valanga di scarcerazioni tra boss e gregari arrestati un mese fa nell'Agrigentino
    La Sicilia.it

Gli appuntamenti

In città e dintorni

SCOPRI TUTTI GLI EVENTI

Capaci

FARMACIE DI TURNO

    Nel frattempo, in altre città d'Italia...

    */